L’elezione der Presidente - Trilussa
in ,

L’elezione der Presidente – Trilussa

La superficialità con cui spesso i governanti vengono eletti

Un giorno tutti quanti l’animali sottomessi ar lavoro (mentre svolgevano il loro lavoro), decisero d’elegge (di eleggere) un Presidente che je guardasse l’interessi loro (che si occupasse dei loro interessi).

C’era la Società de li Majali, la Società der Toro, er Circolo der Basto[1] e de la Soma[2], la Lega indipennente (indipendente) fra li Somari residenti a Roma; eppoi la Fratellanza de li Gatti soriani[3], de li Cani, de li Cavalli senza vetturini[4], la Lega fra le Vacche, Bovi e affini…

Tutti pijorno (presero) parte a l’adunanza.

Un Somarello, che pe’ l’ambizzione de fasse elegge (per l’ambizione di farsi eleggere) s’era messo addosso la pelle d’un leone, disse:

“Bestie elettore, io so’ commosso: la civirtà (la civiltà), la libbertà, er progresso…
ecco er (il) vero programma che ciò io, ch’è l’istesso (che è lo stesso) der (del) popolo! Per cui voterete compatti er nome mio.”

Defatti (difatti) venne eletto propio lui.

Er Somaro, contento, fece un rajo (raglio), e allora solo er popolo bestione (ignorante) s’accorse de lo sbajo (errore) d’avé pijato (di aver preso/scambiato) un ciuccio (un asino) p’un (per un) leone!

“Miffarolo! (bugiardo), Imbrojone! (imbroglione) Buvattaro!” (chi inventa o spaccia fandonie)

“Ho pijato (preso) possesso” disse allora er Somaro “e nu’ (e non) la pianto nemmanco (nemmeno) se morite d’accidente (malanno, malattia). Peggio pe’ (per) voi che me ciavete (mi avete) messo!
Silenzio! e rispettate er Presidente!”.

 

Morale della favola

Spesso la politica è il motivo ispiratore delle favole moderne. Ne è proprio un esempio questa favola del poeta romano Trilussa (pseudonimo di Carlo Alberto Salustri, 1871 – 1950), noto per le sue composizioni in dialetto romanesco.

La corruzione dei politici, gli imbrogli, gli intrallazzi e i vizi dei potenti furono alcuni dei bersagli preferiti da Trilussa.

In questa sua favola, con un linguaggio ironico, e servendosi di animali come protagonisti, fa riflettere sulla superficialità con cui spesso i governanti vengono eletti.

 

Se sei interessato alla morale, ovvero l’insegnamento che puoi trarre dai racconti e dalle favole, vai alla categoria: Racconti e Favole Formative. Ne troverai moltissime.

 

[1]  Basto: è la cesta posta sul dorso delle bestie da soma, per il trasporto del carico.

[2]  Soma: è il carico trasportato sul dorso di quegli animali che come gli asini e i muli vengono utilizzati per i lavori pesanti.

[3]  Soriani: Si tratta dei comuni gatti di casa, che si trovano normalmente in Europa.

[4]  Vetturini: sono i conducenti di carri e carrozze trainati da cavalli.

 


Tagcloud:

Il lupo e il cane - Fedro

Il lupo e il cane – Fedro

La lingua morsa dai denti - Leonardo da Vinci

La lingua morsa dai denti – Leonardo da Vinci